Francesca Lombardi Mazzulli

Francesca Lombardi Mazzulli diplomata brillantemente presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, ha quindi conseguito con il massimo dei voti e la lode il diploma accademico di secondo livello presso il Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara sotto la guida di Mirella Freni. Ha quindi proseguito gli studi con Luciano Pavarotti, A. Molinari e con Sonia Prina. Si perfeziona attualmente sotto la guida di Fernando Opa e Vivica Genaux. Tra i numerosi premi e riconoscimenti ottenuti si segnalano il premio finalista all’ Haendel Singing Competition di Londra e il premio della critica del festival di musica antica di Varazdin in Croazia.

 

La sua attività concertistica e operistica l’ha vista protagonista fin dal suo debutto accanto a orchestre ed ensemble votati al recupero storicamente informato del repertorio seisettecentesco quali l’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone, l’Ensemble barocco di Limoges diretto da Christophe Coin, la Venexiana diretta da Claudio Cavina, Complesso barocco diretto da A. Curtis, Les Talens Lyriques diretto da Christophe Rousset, l’Arte del Mondo diretta da Werner Ehrhardt, la Cappella Neapolitana diretta da Toni Florio, Le Musiche Nove diretto da C. Osele, Montis Regalis diretta da A. De Marchi, Europa Galante diretta da F.Biondi (col quale ha recentemente debuttato alla Wiener Konzerthaus nel Silla di Haendel per il Festival Resonanzen).

 

Ha inoltre preso parte da protagonista al Festival Styriarte di Graz, all'Haydn Festival di Eisenstadt, allo festival Schleswig-Holstein di Amburgo, all’Haendel Festival di Halle, al Festival Resonanzen di Vienna, e al Roma Festival Barocco.

 

Lo spiccato interesse verso il teatro musicale barocco l’ha vista impegnata in più di una ripresa in tempi moderni di opere fino ad allora dimenticate: tra queste vanno ricordati almeno i debutti nei ruoli protagonistici ne La Rosinda (a Potsdam, Bayreuth e Vantaa, sotto la direzione di Mike Fentross), in Artemisia (ad Hannover e Montpellier, diretta da Claudio Cavina) di Francesco Cavalli, entrambi testimoniati dalle incisioni discografiche pubblicate da Ludi Musici e Glossa, in Veremonda di Cavalli, nel ruolo di Zelemina, al fianco di Vivica Genaux nel festival Spoleto a Charleston(USA) nel 2015.

 

Tra i più recenti successi vanno ricordati il debutto all’Innsbrucker Festwochen (Giunone ne La Calisto di Cavalli) e al Teatro San Carlo di Napoli (autunno 2016) nell'Achille in Sciro di Sarro per celebrare l'anniversario del teatro stesso, diretta da A. De Marchi. Dal 2012 al 2019, nella sala dello Stadttheater di Giessen interpreta con successo sotto la direzione di Michael Hofstetter i ruoli di Leonora in Oberto, conte di San Bonifacio di Verdi (registrato per OehmsClassics), di Agrippina nell’omonima opera di Händel, di Mirandolina nell’omonima opera di Bohuslav Martinu, Vitellia ne La Clemenza di Tito di W.A.Mozart, Fiordiligi nel Così fan tutte, Donna Elvira in Don Giovanni , la contessa in Le Nozze di Figaro di W.A.Mozart e Maddalena ne La Resurrezione di Haendel.

 

Di particolare rilievo è stata inoltre la partecipazione (2013) al progetto Opera Buthan coordinato da Stefano Vizioli e Aaron Carpene che ha previsto il primo allestimento di un’opera nel piccolo regno himalaiano. L’allestimento è stato poi ripreso nel 2014 a El Paso (Texas). Ulteriori impegni internazionali la portò ad avere debutti in Nuova Zelanda (Messiah di Handel) e al National Opera Seoul Corea del sud come Ersilia nell’opera 'Orlando Finto Pazzo' di Vivaldi.

 

Un rapporto di fruttuosa collaborazione è infine quello che la lega al Pera Ensemble di Mehmet Yesilcay, con il quale ha recentemente avuto modo di esibirsi in prestigiose sale concertistiche europee e con il quale ha registrato numerosi cd per Glossa, OehmsClassics e Berlin Classics.

 

E' stata recentemente debuttato, tra molti altri, il ruolo di Cleopatra nel Giulio Cesare di G.F. Haendel nel teatro di Bonn sotto la direzione del Maestro W. Katschner, e come Falsirena in 'La Festa di Venezia' di Salieri sotto la direzione di Werner Ehrhardt ed ha recentemente debuttato con grandissimo successo di critica il ruolo di Rosane ne’La Verita in Cimento’di Vivaldi per la stagione operistica di Heidelberg a Schwetzingen e al Festival di Drottningholm un’opera contemporanea 'Suskinen i Mantua’.

 

Prossimi impegni la vedranno debuttare al Festival di Innsbruck, al Teatro Real di Madrid , a Tokyo ed al Festival di Bucarest e lavorare insieme a direttori come Michael Hofstetter, Fabio Biondi ed Ivor Bolton.